"a tavola non si può parlare soltanto di vino, ma ci si occupa anche dell' orchestrazione di tutti i dettagli che riguardano la sala, come un padrone di casa si preoccupa di far sentire gli ospiti a proprio agio, trasmettendo sicurezza e tranquillità". E per quanto riguarda il vino, le sue idee sono molto chiare: non deve mai essere il protagonista della tavola ma deve armonizzarsi nella coralità, senza prevaricare.

La carta è la sintesi di questa filosofia, è il frutto di una ricerca, e invita a riflettere, poiché se è vero che non ci sono etichette "semplici" è altrettanto vero che ci può essere un vino per tutti, e l'abilità filantropica di Simone è proprio quella di riuscire ad individuarlo.

"700 ETICHETTE CUSTODITE NELLA SALA CANTINA AL PIANO MEZZANINO CORREDATE DA UN TAVOLO CONVIVIALE" 

Simone Romano

Umanista tout court, classe 1982, Simone Romano ha sviluppato una visione personale dell'accoglienza e una conoscenza profonda del mondo del vino, grazie al percorso di studi classici con la laurea in Lettere Antiche, coltivando in parallelo la passione per la ristorazione. Cresciuto a Castel Gandolfo nell'osteria della nonna, tra merende a base di pane, vino e zucchero, ha subito l'influsso positivo e determinante di Paola Di Mauro, la compianta proprietaria di Colle Picchioni, una delle più importanti realtà vitivinicole laziali.

Le proposte al bicchiere 

  • Facebook - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

 

tordomatto ristorante  

Via Pietro Giannone, 24 00195 ROMA

T.: +39 06 69352895

 - P.I.13621821001 -

logo avvolgibile.JPG

 

Foto by Lido Vannucchi / Testi by Sara Favilla